martedì 19 giugno 2018

Basta che vibri 2: la vendetta

 
Alcuni giorni fa Il Fatto Quotidiano ha pubblicato un articolo sulla Xylella, il parassita che sta distruggendo gli ulivi del Salento. Il titolo è inequivocabile: "la bufala della Xylella - non è il batterio a uccidere gli ulivi". L'articolo, credo leggibile solo in versione cartacea, lo vedete in figura qua sotto. Non volevo parlarne, perché altri lo hanno fatto molto meglio di me, ma non ce l'ho fatta, perché di fronte a certe cose non si può tacere. In passato avevo scritto un articolo che si intitolava "Basta che vibri". Questo ne è la degna continuazione.

L'articolo del Fatto Quotidiano riporta il parere del Prof. Pietro Perrino, ex direttore dell'Istituto di genetica vegetale del Cnr di Bari, il quale sostiene che la causa della morte degli ulivi non è il famoso batterio, come in passato sostenuto da numerosi altri esperti agronomi, ma l'inquinamento e le criticità ambientali, che nel Salento sarebbero più forti che altrove. Il tutto, se non riuscite a leggere l'articolo dalla foto che ho allegato, è riassunto bene qui.


Ma poi, alla fine dell'articolo, il professor Perrino ci regala una perla di sapienza. Eccola qui:

La fisica quantistica insegna che l'inquinamento causa malattie, perché interferisce negativamente con le frequenze vibrazionali, come l'olivo e l'intero ecosistema. La suscettibilità delle malattie è conseguenza di frequenze vibrazionali distruttive, prodotte dall'inquinamento. Esistono già dei prodotti, come Bio Aksxter e Gold Manna, che hanno l'effetto di disinquinare e influenzare positivamente le frequenze delle piante trattate e dell'ecosistema.
Ora, io non so nulla di agronomia, né di Xylella. Non so come la si combatta, a malapena so annaffiare un geranio, e quindi su questo proprio non potrei esprimermi. Ma sono un fisico. Di mestiere faccio il fisico, e so che cosa dice e di cosa si occupa la meccanica quantistica. Il mio lavoro quotidiano è fare esperimenti su fenomeni quantistici. E quindi, su questa ultima frase del Prof. Perrino, posso affermare con assoluta certezza che si tratta di una colossale puttanata. Una di quelle cose che non stanno né in cielo né in terra. Un'accozzaglia di frasi prive di senso, di affermazioni non definite, per le quali la meccanica quantistica non c'entra nulla.

Ad esempio "la fisica quantistica insegna che l'inquinamento causa malattie", è un po' come dire che i legami covalenti delle molecole dell'acqua sono responsabili del fatto che se ci leghiamo una pietra al collo e ci tuffiamo in mare, anneghiamo. Certo, la meccanica quantistica è lo strumento per descrivere il mondo microscopico, e siccome tutto è fatto di atomi, potremmo pensare che allora tutto è spiegato dalla meccanica quantistica. Ma è come dire che se ci facciamo male quando diamo una capocciata contro la trave della mansarda, o se ci cade un ferro da stiro sul piede, è colpa della meccanica quantistica.

E poi quel "interferisce negativamente con le frequenze vibrazionali". Cosa (stavo per scrivere "che cazzo") vuol dire "interferisce negativamente con le frequenze vibrazionali"? Spiegamelo, se sei capace. Sono qui che aspetto! E' la caratteristica di tutte le pseudoscienze, questa: usare termini non definiti per poter affermare qualunque cosa senza tema di essere smentiti. Come si fa a smentire un'affermazione che non significa nulla? 

Che poi 'ste frequenze vibrazionali piacciono veramente tanto ai quantum-fuffari. Non sanno cosa siano, nessuno infatti ha mai definito cosa sia una frequenza vibrazionale (esisterà anche una frequenza statica?), ma a loro piace un casino cacciarle dappertutto. Basta che qualcosa vibri, e 'sta gente non capisce più niente. Che si trovassero un lavoro nel campo dei martelli pneumatici, che lì di vibrazioni ne farebbero un'abbuffata! Ma forse, chissà, quelle non interferiscono positivamente.

E poi la perla finale: i prodotti consigliati per disinquinare, sempre in base ai precetti della meccanica quantistica! Alla fine, gira e rigira, dietro tutte queste supercazzole, c'è sempre la solita cosa: money! Per ogni scemenza proposta come panacea di tutti i mali, ci sarà sempre qualcuno che la metterà in vendita.

Comunque, dicevo, io non sono un agronomo, e quindi non saprei contestare il Prof. Perrino quando parla di agronomia. Ma se lo stesso Prof. Perrino mi scrive questo trafiletto finale in cui vaneggia di frequenze vibrazionali positive e negative, io automaticamente so con certezza che del Prof. Perrino non posso fidarmi nemmeno quando parla di agronomia. 

E' come se andassi dal medico, e a un certo punto questo mi dicesse che le onde gravitazionali causano l'ulcera, o che i terremoti fanno venire l'alluce valgo. Mi rivesto e me ne vado, perché di un medico così non so che farmene.

Comunque bisogna dire che i quantum-cazzari si stanno evolvendo, e per certi versi stanno migliorando. Di questo bisogna dargliene atto. 

Infatti, fino a un po' di tempo fa, le frequenze vibrazionali erano sempre tutte positive. L'universo per loro era tutto un volemose bene di vibrazioni positive, tutti collegati in armonia da queste onde di bontà. Tanto è vero che, per giustificare l'inesistente efficacia dell'omeopatia, una volta appurato che dentro i prodotti omeopatici non c'è nulla se non acqua, tiravano in ballo la memoria dell'acqua stessa, che in base a non ben definite frequenze positive si ricordava del prodotto curativo che aveva diluito. Le frequenze che trasportano il bene, appunto.

E, colpevolmente quanto inspiegabilmente, si dimenticavano di spiegarci come mai le molecole d'acqua si ricorderebbero perfettamente delle meravigliose proprietà curative dell'estratto di Antimonium Crudum o dell'Anacardium Orientale, con le quali erano entrate per qualche minuto in contatto, e non dei miliardi di colibatteri fecali con i quali vanno abitualmente a braccetto negli scarichi di mezzo mondo, oppure dei pesticidi e degli inquinanti che riempono la nostra aria, e quindi il vapore acqueo.

E invece ecco un'improvvisa inversione di tendenza: in questo articolo il Prof. Perrino ci mostra che un cambiamento è in atto anche fra i quantum-pallonari. Perrino parla finalmente, forse per la prima volta, di frequenze vibrazionali negative! Esistono anche quelle, quindi, e non solo quelle pace-e-bene che ci avevano raccontato fino a ieri. E, visti tutti i capolavori di bontà di cui siamo capaci noi umani, mi sa che queste frequenze negative devono essere un bel po'! Fuffari, coraggio: c'è tutto un nuovo mercato da sfruttare davanti a voi, quello delle frequenze negative. Intanto preparatevi però anche per le frequenze neutre, perché in questo mondo in continua evoluzione bisogna sempre essere un passo avanti!

12 commenti:

  1. Standing ovation.
    Anch'io da fisico volevo scrivere qualcosa sul tema dopo aver lette le affermazioni di Perrino... ma mi venivano solo insulti.

    RispondiElimina
  2. L'unica frequenza da prendere in seria considerazione è quella con la quale sparano cazzate (Volevo dire cavolate...ma l'ultima release del correttore automatico rilasciata dal CICAP e non me lo permette)

    RispondiElimina
  3. Sono informatico con l'hobby della coltivazione; i prodotti citati mi hanno incuriosito e ho cercato di capire cosa c'è dentro.
    Su Gold Manna non sono riuscito a trovare praticamente nulla, mentre per l'Aksxter c'è un sito ben organizzato in cui si può trovare anche la scheda tecnica del prodotto:
    https://www.bioaksxter.com/documenti/schede_tecniche/revisione-2016/scheda-tecnica-bio-aksxter-m31-linea-agricoltura.pdf
    L'unica cosa che ho capito è che si tratta di un concime con il 3% di molibdeno, un microelemento necessario alle piante in quantità minime.
    Le altre informazioni sulla composizione e sul meccanismo di azione mi risultano incomprensibili ...

    Per la cronaca, il prodotto costa 220 euro/litro (ma solo 196 euro/litro se si acquistano 5 litri).
    Secondo le istruzioni, il trattamento iniziale per un ettaro coltivato a olivi richiede un investimento di almeno 7000 euro (che è all'incirca quello che se ne può ricavare dalla produzione di olio in un anno) ...

    Da evidenziare la spiegazione del motivo per cui il prodotto potrebbe subire alterazioni di colore:
    "Eventuali variazioni di colore sono dovute alla variazione del campo magnetico terrestre."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente più costante di un colore Pantone! Che amarezza...

      Elimina
  4. Ho trovato questa pagina relativa allo scopritore del fantomatico fertilizzante : mi raccomando leggetela con le dovute cautele :-))
    https://www.bioaksxter.com/blog/cibernetico-dalla-nascita/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il ricercatore Alessandro Mendini ha una capacità cibernetica applicata alla meccanica magnetica quantistica riferita alle energie dimensionali subatomiche ed in specifico alle particelle primarie concentriche collegate all’intelligenza di base planetaria ed universale “viva e non viva” nella dimensione virtuale, meccanica e bioelettronica."

      Neanche un fake avrebbe saputo architettare una frase del genere. E' un blog da tenere d'occhio, questo. Grazie!

      Elimina
  5. No, vabbé, l'ultima citazione è veramente oltre...
    Per quanto riguarda la memoria dell'acqua, avevo escogitato il modo di resettarla per evitare gli spiacevoli effetti di ricordi di fogne:
    https://blumudus.it/2016/idea-lomeopatia-mette-il-turbo/

    RispondiElimina
  6. C'è di buono che dopo la pubblicazione c'è stata una sollevazione popolare contro questa pagina vergognosa e qualche giorno dopo il giornalista che aveva curato l'articolo ha comunicato col CICAP ammettendo che mancavano le basi scientifiche ed era stato un errore.

    Non basta: andrebbe pubblicata una smentita a tutta pagina... ma almeno è un inizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiornamento: un articolo di chiarimento è stato effettivamente pubblicato qualche giorno dopo... Se trovo un link alla pagina lo posto.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Anche pestando nella testa, certi concetti non vogliono entrare. Tocca rassegnarsi :-(

    RispondiElimina