sabato 13 giugno 2015

Selvaggia Lucarelli su Samantha Cristoforetti: un'occasione persa per tacere.

Sul suo profilo Facebook Selvaggia Lucarelli, nota "opinionista, conduttrice televisiva, blogger, conduttrice radiofonica e scrittrice italiana" (cito da Wikipedia) ha esternato il suo fastidio sulle celebrazioni per il ritorno sulla Terra di Samantha Cristoforetti, l'astronatura italiana, prima donna del Belpaese nello spazio, spiegando poi che si lamentava "della pallosa retorica della stampa e non di lei o dei suoi meriti" (cit.). Lo ha fatto così: 
"Abbiamo capito che la Cristoforetti è tornata a casa e mi spiace per lei che ora si ritrovi appiccicato addosso il nomignolo AstroSamanta come una cartomante barese, ma davvero, basta. Non se ne può più. C'è tanta gente che lavora mesi su una petroliera o in cantieri sperduti nel mondo o a tirar su le case in Nepal e quando torna a casa si festeggia senza tutta 'sta melassa spaccacoglioni."
A parte le 19515 persone che hanno messo mi piace, per lo meno al momento in cui scrivo,  in molti (ma certamente meno di 19515) hanno protestato. A parte i toni disgustosamente maleducati e arroganti di alcuni, e fastidiosamente (almeno per me) retorici di altri, vorrei spiegare a Selvaggia Lucarelli perché anche io ho ritenuto fuori luogo il suo intervento.

Intanto sono certo che se la Lucarelli fermasse 100 persone a caso per strada e chiedesse loro chi è Samantha Cristoforetti, quelle che sarebbero in grado di dare una risposta corretta sarebbero una netta minoranza. Sicuramente meno di quanti invece saprebbero rispondere con dovizia diparticolari alla domanda su chi è il numero 10 della Juventus o l'ultimo vincitore di Amici. Certo, Samantha Cristoforetti verrà invitata qua e là in qualche programma tv, Fabio Fazio le stenderà fra mille sleccate il tappeto rosso che stende a chiunque, da Toto Cutugno a Spielberg, ma onestamente non vedo in giro tutte queste "spaccacoglioni". Non vedo tutto questo trasporto emotivo. Sicuramente molto meno di quello per i vincitori del Grande Fratello quando escono dalla casa, o quando prendono 3000 euro a botta per firmare 10 minuti di autografi in discoteca.

Perché è proprio questo il punto che la Lucarelli non ha compreso. In Italia l'interesse per tutto ciò che è cultura è tipicamente vicino allo zero. Ancor più se si tratta di argomenti in qualche modo legati alla scienza, che è ancora vista da tanti come una pratica da stregoni di cui fidarsi il giusto. E il post di Selvaggia Lucarelli aggiunge un mattoncino al disinteresse nazionale per tutto questo. Non solo, la Lucarelli mostra fastidio, insofferenza, sostanzialmente invitando ad appiattire le menti. E' l'invito subliminale a puntare verso il basso invece che verso l'alto, a evitare di interessarsi a qualunque cosa che richieda l'utilizzo di più di 10 neuroni per essere compreso.

Certo, Selvaggia Lucarelli non voleva dire questo. Sono certo che non era questo il suo pensiero. La reputo sufficientemente intelligente da esserne certo. Ma in pratica si è comportata come se lo pensasse. In pratica ha implicitamente suggerito a tutti quelli che la leggono, o per lo meno a 19515 di loro, che si sta bene anche fottendosene di donne che invece di ambire a sposarsi uno ricco decidono di farsi un mazzo così per inseguire un sogno. Si sta bene fottendosene di ambire a un lavoro che ti permetta di emergere dalla media. La Lucarelli ci dice, senza volerlo, che di avere questo tipo di sogni non vale nemmeno la pena.

Ma la cosa che mi sorprende e che secondo me la Lucarelli non ha affatto compreso è che con questa uscita lei ha fatto un pessimo servizio soprattutto a se stessa. Sì perché la Lucarelli è una persona intelligente, e le cose che scrive spesso fanno pensare. Richiedono di pensare, quantomeno per farsi la propria opinione. Con la sua uscita sulla Cristoforetti invece, la Lucarelli senza rendersene conto ha detto a tutti che è molto più comodo assumere una posizione nazional-popolare di quelle passive verso il mondo. Chi se ne fotte! Non vale la pena entusiasmarsi per qualcosa. E' mentalmente troppo faticoso! Basta stare a guardare, che già basta e avanza, e cambiare subito canale se stanca.

9 commenti:

  1. Ho avuto occasione una sola volta di vedere Selvaggia Lucarelli, per caso, trovandomi di passaggio mentre altri guardavano non so quale trasmissione, e mi ha colpito l'astio di costei verso Valeria Marini (concorrente) che lei doveva giudicare.
    Non so altro di questa donna non brutta, ma che mi rimane impressa per l'astio di cui è capace, e sembrerebbe verso varie persone, ma non voglio indagare oltre. Credo di poter vivere felicemente senza interessarmi oltre a questa donna.
    Piuttosto vorrei sapere di più di Samantha Cristoforetti, una donna che invece onora il nostro Paese, e che merita grande stima e rispetto.
    Secondo me.

    RispondiElimina
  2. Ecco un esempio di invidia colta e meschina. Si può capire che una persona prigioniera dell'orbita in cui è nata e cresciuta provi astio nei confronti di chi è uscito a rimirar le stelle ma la Signora Lucarelli avrebbe potuto dare una miglior prova della sua intelligenza attaccando un altro soggetto.

    RispondiElimina
  3. Io invece concordo in pieno con la Lucarelli in questo caso facendo notare che anche la stessa Lucarelli non è da me per niente sopportata per la sua supponenza e astio gratuito che ha mostrato in tente occasioni.
    In questo caso però ha ragione, basta con le celebrazioni retoriche di astrosamanta....non se ne può più!!!

    RispondiElimina
  4. A cosa servirà tutta questa notorietà per la Cristoforetti? l'hanno promozionata in ogniddove.. e a tutte le ore. non si sopporta più.

    RispondiElimina
  5. Ma chi e' Lucarelli ?

    RispondiElimina
  6. Basta con la Cristoforetti? In un paese in cui vengono celebrati degli uomini solo perché nascono con il particolare talento di saper usare bene i piedi per calciare un pallone, e allo stesso tempo chi vuole fare ricerca scientifica è costretto ad andare all'estero per non vedersi soffiare il lavoro dal figlio/nipote/amico di, per una volta che si celebra la partecipazione ad una missione spaziale di una donna che nella vita ha studiato e fatto cose che sono decisamente oltre la media direi che non ci si possa lamentare più di tanto.

    RispondiElimina
  7. a parte la Lucarelli che non so neanche chi sia ,grazie per aver spezzato una lancia a favore della Cristoforetti e delle menti pensanti :)

    RispondiElimina
  8. Senza nulla togliere agli incontestabili meriti di Samantha Cristoforetti, vogliamo spendere due parole sullo tsunami mediatico? In un paese dove la mediocrità è già un buon traguardo allora si, è esagerato tutto il parlare che si fa della nostra astronauta. Che poi si infili l'opinionista tuttologo (in questo caso al femminile) che non può proprio tacere - pena il dimenticatoio - di cosa ci stupiamo? Questi personaggi li abbiamo costruiti noi a suon di domeniche in, domeniche in famiglia, domeniche sportive e reality show, le notizie che meritano la prima pagina sono cronaca nera o scandali, in mancanza d'altro torna buono Sgarbi e, se proprio non ha detto neanche un "merdina" negli ultimi giorni ci sta bene pure la Lucarelli o chi per lei. Morale della favola: non è la Lucarelli a doversi vergognare perchè ha fatto solo quello che l'italiano medio si aspetta da personaggi che ricoprono quel ruolo.

    RispondiElimina
  9. Mah....sapete che a me non è sembrato ne parlassero così tanto, anzi, mi ricordo di aver commentato con un'amica che si parlasse di tutto meno che della sua impresa.
    Credo persino di ricordare un servizio di fine anno dove nei momenti scelti di maggiore rilevanza dell'annata trascorsa non era nemmeno stata nominata.

    Boh, sarà che guardo poca televisione o mi sono persa qualcosa.
    Non mi pare proprio sia stata celebrata così tanto e infatti avevo dedotto che l'interesse per queste cose è praticamente inesistente per l'audience.

    Il che ovviamente è l'unica cosa che orienta le scelte televisive........

    RispondiElimina