giovedì 18 maggio 2017

Lo scoop epocale sui vaccini del Fatto Quotidiano.

Io non capisco il Fatto Quotidiano, che in base a una sua personalissima idea di pluralismo dell'informazione ospita abitualmente, su argomenti specifici, contributi rispettabilissimi contemporaneamente a articoli che definire spazzatura è un complimento.

A questa seconda categoria appartiene lo scoop, datato 28 novembre 2014, ma che ogni tanto viene riesumato sui social, che il Fatto Quotidiano pubblicò qui: il documento riservato Glaxo (datato dicembre 2011) che, secondo il titolo dell'articolo, citerebbe in modo inequivocabile l'autismo fra gli effetti del vaccino esavalente. Come a dire: "vedete? ci sono le prove che il vaccino esavalente provochi l'autismo. Però ce lo tengono nascosto, e infatti il documento era riservato, cioè segreto, ma noi del Fatto Quotidiano lo abbiamo trovato!". "Abbiamo avuto modo di analizzarlo", scrivono, come se fosse stato un colpaccio da Premio Pulitzer.



Il documento in questione è talmente riservato che si trova tranquillamente sul sito www.informasalus.it - l'indipendenza del sapere, uno degli ennemila siti web che sputano a tutto spiano sopra i vaccini, elogiando al contempo le incredibili proprietà taumaturgiche dell'omeopatia, e già che ci sono dispensano consigli imperdibili su come vivere di più.

E' talmente segreto che basta digitare su Google alcune parole chiave, tipo "secret vaccine document autism" e viene fuori una lista lunga come la Divina Commedia di link contenenti il famigerato documento.

E' talmente riservato che se parli con uno che è accanito contro i vaccini, prima o poi, durante la discussione, ti menziona questo segretissimo documento con l'espressione come a dire: "non te l'aspettavi eh? E adesso voglio vedere cosa mi rispondi!"

E' talmente segreto che io lo conoscevo già da un pezzo, pur senza essere nel libro paga di Big Pharma. "Avevo avuto modo di analizzarlo", per usare le parole del Fatto.

Ma vediamolo questo documento supersegreto. Si tratta di un malloppone di 1200 e passa pagine sul vaccino esavalente antidifterite-tenano-pertosse-epatite B-polimelite-Hemofilus influentiae B.

Nel documento c'è una lunga lista di "reazioni avverse" al vaccino. E' un documento che le case farmaceutiche devono inviare periodicamente alle autorità di controllo, come spiega Salvo di Grazia, alias Medbunker, nel suo blog medico qui. Ed è proprio la definizione di reazioni avverse che è cruciale, e che al Fatto Quotidiano, tutti presi dall'importanza dello scoop, devono aver trascurato. 


Questo report elenca infatti tutti gli eventi avversi di qualunque tipo segnalati durante il periodo analizzato, e successivi al vaccino. Sottolineato: eventi di qualunque tipo. "Se una persona segnala un dolore alla spalla dopo la vaccinazione" - spiega Salvo di Grazia - "la casa farmaceutica dovrà a sua volta segnalarlo alle istituzioni. Saranno queste ad approfondire.".  Reazioni avverse vuol dire quindi che tutto quello che viene notato nei giorni successivi alla somministrazione del vaccino viene riportato sul documento, a scopo precauzionale.  Questo - ed è l'aspetto cruciale - non significa affatto che ci sia una relazione di causa-effetto col vaccino.

Ed è vero che ci sono segnalati alcuni casi di autismo. Ma sono segnalati anche svariati casi di fratture, escoriazioni, cadute, strabismo, avvelenamenti di vario tipo, tra cui anche da monossido di carbonio, e perfino la formazione di un tappo di cerume all'orecchio.

Eppure nessuno si lamenta che il vaccino faccia lasciare le stufette accese col tiro otturato causando avvelenamenti da monossido di carbonio, o procuri fratture all'omero, e che io sappia nessun giudice ha mai ordinato rimborsi a chi gli è rimasto tappato l'orecchio uscendo dalla piscina per colpa del vaccino. A me è successo qualche anno fa: avrei potuto fare causa alla Glaxo! Con l'autismo invece, sebbene tutta la storia origini da una truffa ormai ultranota (ma evidentemente non al Fatto Quotidiano), ancora si va avanti con la solita storia dei vaccini che ne sarebbero la causa.

E quindi, ritornando al Fatto Quotidiano: se io sapevo già da anni di questo fantomatico scoop, e ne conoscevo bene il reale significato, vuoi che al Fatto Quotidiano ci siano giornalisti così incapaci da lasciarsi infinocchiare da un sito che è praticamente un tatzebao contro le vaccinazioni? Veramente credono che quel sito così palesemente estremista e di parte sul tema delle vaccinazioni, e su cui scrive gente di cui non è specificata l'eventuale competenza, possa rappresentare una fonte credibile su questo argomento? E' questa la capacità che hanno alla redazione del Fatto Quotidiano nel reperire le fonti affidabili, cosa che dovrebbe essere il cardine del lavoro di qualunque giornalista serio? E poi, perché quel patetico titolo: "ecco il documento riservato..." se si trova in rete con una banalissima ricerca con Google? A chi giova questa informazione spazzatura? Di sicuro non al Fatto Quotidiano.


1 commento:

  1. Chi conosce Il Fatto quotidiano ( e non ha il cervello all'ammasso) sa quale peso possano avere certi articoli.

    RispondiElimina